Pubblicato da: geeketto | venerdì 20 giugno 2008

Regolazioni sospensioni moto

image

Come sono affascinati quelle vitine colorate poste sulla sommità della forcella.
E non parliamo di quella sul serbatoio del mono.
E perché…le ghiere per la regolazione del precarico??
Eccezionali!
Chi di noi non si è fatto sopraffare dalla tentazione ed ha cominciato ad avvitarle o a svitarle alla ricerca di un assetto più consono al personale tipo di guida ?
E i risultati?
Il più delle volte pessimi o se si otteneva un miglioramento nel misto stretto, nei curvoni veloci si ballava il twist e viceversa.

Con questo articolo intendo spiegare, nel modo più semplice possibile, il funzionamento delle sospensioni e quindi come agire sulle singole regolazioni per ottenere ciò che si desidera.
Cominciamo.

CONCETTI GENERALI
Il compito di una sospensione è quello di filtrare le asperità del fondo stradale e di mantenere il più possibile costante l’assetto del mezzo, cioè di mantenere costanti le misure di interasse, avancorsa, posizione del baricentro.

Una moderna sospensione è costituita da una molla che collega la ruota al telaio e da un elemento smorzante, detto ammortizzatore, il cui compito è quello di controllare la velocità con cui la molla ritorna alla posizione iniziale.

LA REGOLAZIONE DELLE SOSPENSIONI
Prima di procedere alla regolazione delle sospensioni è fondamentale tener conto dell’importanza di accordare il funzionamento tra la sospensione anteriore e quella posteriore per limitare al massimo gli scompensi che le asperità del fondo stradale portano all’equilibrio della motocicletta.
Se non si tiene conto di quanto detto si può incorrere in reazioni anomale della moto in presenza di sollecitazioni esterne con conseguente pericolo di perdita di controllo del mezzo.
Oltre ad accordare la sospensione anteriore con quella posteriore è importante accordare l’ammortizzatore con la relativa molla evitando, ad esempio, di precaricare troppo poco la molla e invece frenare troppo l’idraulica ottenendo una sospensione che affonda eccessivamente per ogni piccola asperità e poi fatica a ristendersi.

Altro parametro di fondamentale importanza è la pressione dei pneumatici che deve essere quella prescritta dalla casa.
Regolare le sospensioni con una pressione delle gomme errata è totalmente inutile.

La regolazione delle sospensioni si può suddividere in due fasi distinte e separate.
La prima è una regolazione statica in cui si regola l’assetto della moto, cioè l’altezza dell’avantreno e del retrotreno in condizioni di marcia;
la seconda è una regolazione dinamica dove si interviene sui registri per migliorare il comportamento della motocicletta per esempio durante la percorrenza di una curva o in frenata.

LA REGOLAZIONE STATICA
La regolazione statica serve principalmente a regolare l’altezza della moto in condizioni statiche importante per avere il giusto assetto in condizioni di marcia in rettilineo e una buona base di partenza sulla quale intervenire per migliorare il comportamento della moto in condizioni dinamiche.

Per una corretta regolazione è consigliabile seguire la seguente procedura:

· Regolazione del precarico

  1. Aprire completamente l’idraulica del freno in compressione ed estensione sia della forcella che del mono.
  2. Sollevare completamente le ruote da terra afferrando la moto dal telaio e non dagli organi delle sospensioni.
  3. A moto sollevata, misurare la distanza tra il perno ruota e un punto fisso del telaio (una vite per esempio). La retta ideale che congiunge il perno ruota e il punto fisso deve essere il più perpendicolare possibile alla superficie stradale.
  4. Appoggiare la ruota a terra e ripetere la misurazione illustrata nel punto 3. La differenza tra le due misure viene definito abbassamento statico della motocicletta. Per le moto medie e maxi sportive e per un uso su strada, l’abbassamento statico deve essere del 20-30% sull’anteriore e del 6-10% sul posteriore. Per un uso in pista i valori diventano di 15-18% sull’anteriore e 6-8% sul posteriore.
  5. Ripetere la misurazione del punto 4 limitata al solo retrotreno con pilota a bordo, benzina ed eventuale passeggero e bagagli. In queste condizioni l’abbassamento del posteriore deve essere del 18-27% per un uso su strada e del 18-23% per un uso in pista del mezzo (ovviamente in pista passeggero e bagagli si lasciano a casa). Anche in questo caso la misura deve essere effettuata prendendo come riferimento quella determinata al punto 3.

· Regolazione dell’idraulica

1. Per regolare l’idraulica della forcella, tirare la leva del freno anteriore.

2. Comprimere ed estendere la forcella ripetutamente caricandola dal manubrio.

3. Lasciare estendere la forcella togliendo il carico ma tenendo sempre la leva del freno tirata. La forcella deve estendersi completamente e successivamente deve comprimersi leggermente. Se invece la forcella non affonda dopo l’estensione allora il freno in compressione è eccessivo. Se invece la forcella oscilla per qualche istante allora è troppo poco frenata in estensione.

4. Per regolare il freno in estensione del monoammortizzatore è necessario comprimerlo bruscamente e lasciarlo estendere. L’estensione completa deve avvenire in 1-1,5 sec.

5. Regolare il freno in compressione secondo quanto indicato nel libretto di uso e manutenzione.

 

Terminate queste operazioni è necessario controllare il bilanciamento generale del mezzo tirando il freno anteriore e comprimendo le sospensioni agendo per esempio con il piede su un pedalino. In queste condizioni la moto non deve beccheggiare. Se affonda più l’anteriore allora vuol dire che il freno in compressione della forcella è insufficiente o le molle sono poco precaricate e viceversa. Stesso discorso se ritorna più velocemente l’anteriore: il freno in estensione è scarso e viceversa.

LA REGOLAZIONE DINAMICA
La regolazione dinamica è molto più complessa di quella statica perché in questa fase subentra anche lo stile di guida e le impressioni del pilota e quindi le disquisizioni puramente scientifiche e teoriche devono cedere in parte il posto alle sensazioni che il pilota avverte alla guida della motocicletta.
E’ importante effettuare una regolazione per volta procedendo per piccoli passi in modo tale da sapere sempre in che direzione si sta andando. In base a questo consiglio, quindi, è sempre opportuno provare un registro per volta girandolo di uno o al massimo due scatti per ogni tentativo.

Per rendere più facilmente utilizzabile il presente lavoro si riportano di seguito varie situazioni che possono verificarsi quando le sospensioni non sono regolate nel migliore dei modi.
Sarà facile individuare la situazione che più si avvicina al comportamento della propria motocicletta e seguire, quindi, le relative indicazioni.

1. La moto è rigida in rettilineo e tende a saltellare sulle asperità. Il precarico e il freno in compressione sono troppo elevati.

2. Le ruote non copiano le asperità. Il precarico delle molle è troppo elevato.

3. La moto tende ad ondeggiare nei curvoni veloci. E’ necessario aumentare sia il precarico che il freno in compressione.

4. In frenata la moto si scompone abbassandosi eccessivamente davanti e sbandando con la ruota posteriore. Le molle della forcella sono poco precaricate e il freno in compressione è insufficiente.

5. L’avantreno è imprevedibile e insicuro al centro curva. La frenatura in estensione è eccessiva o insufficiente. Il freno in compressione è eccessivo.

6. La moto tende ad allargare la traiettoria. Il precarico delle molle della forcella è eccessivo oppure il precarico della molla del mono è insufficiente così come potrebbe essere eccessivo il freno in estensione del monoammortizzatore.

7. La moto tende a chiudere la traiettoria ed il pneumatico posteriore tende a derapare. Il retrotreno è troppo precaricato o c’è un eccessivo freno in compressione dell’ammortizzatore. La forcella è poco precaricata.

Riassumendo per una buona regolazione dinamica
bisogna tenere conto che:

1. Il precarico serve a regolare l’altezza della moto oltre a conferire un funzionamento più o meno secco delle sospensioni sulle asperità. Pertanto agendo su questo parametro si modifica il comportamento della moto in curva che può passare da sotto a sovrasterzante a seconda che si aumenta il precarico della forcella o del monoammortizzatore.

2. I freni in compressione e in estensione servono a regolare la velocità con cui le sospensioni si comprimono o si estendono.

3. La regolazione delle sospensioni è sempre un compromesso tra le diverse situazioni che si possono incontrare durante la guida. Infatti una taratura ottimale per la frenata non lo sarà per una guida su un tratto di strada sconnessa così come un set up per percorsi tortuosi sarà deleterio per quelli veloci. Almeno nel caso in cui si usa la moto su strada e non in pista la verità è nel giusto mezzo.

Insomma io sono ancora li a smarronare sui registri

Annunci

Responses

  1. ciao, ma come fanno a essere in percento i valori elencati sopra? (A moto sollevata, misurare la distanza tra il perno ruota e un punto fisso del telaio (una vite per esempio). La retta ideale che congiunge il perno ruota e il punto fisso deve essere il più perpendicolare possibile alla superficie stradale). se io prendo dal perno ruota e vado su una vite del codone il valore mi da 59.5cm e il 10% come hai elencato sarebbe 5.95 cm, ma se prendo sempre dal perno e vado a una vite della marmitta la distanza e di 22cm quindi il 10 percento sarebbe 2.2 cm. illuminami perche non riesco a capire.

  2. Sembrava interessante ma quando sono arrivato a:

    Altro parametro di fondamentale importanza è la pressione dei pneumatici che deve essere quella prescritta dalla casa.
    Regolare le sospensioni con una pressione delle gomme errata è totalmente inutile.

    Ma come fai a dire una cosa del genere? Non capisco perché tutti debbano copiare ed incollare le guide come se niente fosse e senza pensare che forse non tutte le guide sono giuste.

    Il discorso pressioni può andare bene come punto di partenza,ma prima ancora direi la manutenzione delle sospensioni stesse non credi?

  3. effettivamente la manutenzione delle sospensioni è ancor più importante, sono felice che i lettori diano un contributo a questa guida.

    Si sa il tema delle sospensioni è estremamente complesso e ogni contributo diventa una preziosa risorsa

  4. Salve,
    avrei una domanda, io nn sono un esperto di assetto della moto. Ho fatto modificare l’assetto della mia moto (cbr 600f) dal meccanico e sono già due treni di gomme in cui noto che, piegando, riesco a sfruttare tutta la spalla della gomma, invece per quella davanti mancano ancora circa 2 dita per parte. E’ un problema dell’assetto o sono io che non sono capace? 😀

  5. per chiudere l’anteriore su strada … e bhè … io non ci riesco e non è un problema di setting ma un problema di velocità e di inclinazione della moto che riesci a raggiugnere solo in pista.

    Se chiudi il posteriore e senti fiducia nella moto a inizio/metà/fine curva
    allora diciamo che le sospensioni sono a posto

    L’unica prova che puoi fare e su diversi tracciati – un visto veloce o misto stretto
    e vedere se la moto si comporta sempre bene

    Infine verificare che con una staccata decisa i trasferimenti di carico non sono eccessivi e permettendoti di entrare deciso incurva poi quando dai gas per uscire dalla curva il posteriore non si sieda e ti allarghi

    Il tutto è molto complicato … poichè soggettivo … e dipende da quanto sei rotondo o spigoloso, ma io faccio un po’ questi test per vedere se mi trovo

  6. ciao,la mia moto ha le sospensioni regolabili ma sono molto dure,io inoltre sono molto leggero.con le gomme in dotazione aveva la sgradevole tendenza ad allargare la traiettoria in uscita di curva,ora,dopo aver cambiato le gomme e regolato i precarichi va molto meglio ma a volte avverto ancora anche se in misura molto minore questa sensazione,le gomme posteriori sono riuscito a chiuderle,può essere l’estensione?ant. o post.?oppure?grazie 1000,ciao.

  7. Ho un Monster S2R 1000. Ho dovuto aumentare il precarico sul mono data la totale mordidezza a cui era arrivato il posteriore: quando portavo un passeggero poi l’anteriore della moto era praticamente sollevato da terra! Ho dovuto però anche diminuire la velocità di estensione del mono per avere meno insensibilità alla strada. Che ne pensi?

  8. se ti dico che sono un esperto mentirei spudoratamente
    l’unica cosa che ho letto in merito alle forcelle era che se aumenti il precarico di norma aumenti l’estensione … poi sono ancora li che tribolo con le mie forcelle che non ne vogliono sapere di funzionare a dovere … quindi prendimi con le “molle”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: